Post

Immagine
Strategie di “Sound Therapy” nella gestione del paziente con acufeni D. Cuda, A.R. De Caria, M. Monici, V. Mirarchi Introduzione
L’acufene, o tinnitus in lingua latina e inglese, è una sensazione sonora che può essere percepita come fischio, ronzio, sibilo e infinite altre definizioni, costante o intermittente, in una o in entrambe le orecchie o, più genericamente nella testa, nonostante non sia presente alcun tipo di suono che lo produca. È espressione sintomatologica di una condizione patologica che interessa uno o più punti del sistema uditivo. La classificazione clinica distingue l’acufene oggettivo/obiettivo da quello soggettivo: quello oggettivo/obiettivo, talvolta percepibile dallo specialista mediante tecniche di auscultazione, rappresenta una condizione rara e ha una genesi esterna all’apparato uditivo, riconducibile a una causa effettiva come le turbolenze vascolari, che possono essere il sintomo di malformazioni artero-venose (stenosi della carotide o del sistema vertebrobasil…
SORDITÀ: ASPETTI CLINICI E RIABILITATIVI
Domenico Cuda, Antonio R. De Caria, Matilde Monici* Unità Operativa di Otorinolaringoiatria, Ospedale “G. da Saliceto” - Piacenza *Struttura Complessa di Otorinolaringoiatria, Ospedale “Carlo Poma” - Mantova
La capacità di comunicare e di socializzare del genere umano è strettamente dipendente dall’abilità uditiva. Infatti non vi è la possibilità di comunicare tra persone che non riescono a capire il messaggio in arrivo. Ne risulta che una diminuzione dell’udito, detta anche ipoacusia o sordità, determina delle difficoltà di comunicazione con conseguenti alterazioni delle relazioni sociali, delle attività lavorative, discomfort psicologico e modificazioni delle normali attività quotidiane, che possono condurre a comportamenti e attitudini insidiosi e pericolosi per la qualità della vita della persona. Infatti, legato all’ambiente e da esso dipendente, l’uomo si trova, come tutto ciò che vive, inondato da stimoli che lo attivano e lo animano. Il suo…
Capogiri e vertigine: valutazione, diagnosi differenziale e gestione Antonio R. De Caria1- Matilde Monici2 1Unità Operativa di Otorinolaringoiatria, Ospedale “G. da Saliceto” – Piacenza 2Struttura Complessa di Otorinolaringoiatria, Ospedale “C. Poma” - Mantova
I capogiri e le vertigini sono dei sintomi frequenti che, spesso, i pazienti tendono a confondere o a riferire in modo impreciso. Entrambi i termini sono stati tradizionalmente inclusi, sulla base della storia clinica del paziente, in quattro categorie: vertigine, presincope, squilibrio e sensazione di testa vuota; questa distinzione si è dimostrata avere una limitata utilità clinica. I capogiri, spesso, non sono delle vere e proprie vertigini nel senso più clinico del termine, ma una generica sensazione di instabilità non associata a fenomeni neurovegetativi (sudorazione, nausea, vomito). La vera vertigine può essere suddivisa in base alle caratteristiche del sintomo in: oggettiva, soggettiva e altre turbe dell’equilibrio non cara…
Immagine
                                                          EMERGENZA COVID-19


Nella consapevolezza della gravità del momento, i medici dello Studio Medico Auris hanno deciso di lavorare ed effettuare le visite specialistiche con modalità restrittive, per la massima sicurezza dei pazienti e propria.
Pertanto, nell'osservanza delle norme di emergenza, l'accesso allo studio è consentito nel rispetto di queste regole:
1.IN STUDIO PUO'  ACCEDERE SOLO LA PERSONA CHE DEVE ESSERE VISITATA (SALVO MINORI O CASI PER I QUALI E' NECESSARIO UN ACCOMPAGNATORE);
2.DISINFETTARE BENE LE MANI (E' PRESENTE UN EROGATORE CON GEL DISINFETTANTE);
3.INDOSSARE LA MASCHERINA (FORNITA DALLO STUDIO);
4.MANTENERE LA DISTANZA DI ALMENO 1
     METRO TRA PERSONE;
5.DOPO LA VISITA NON FERMARSI IN STUDIO.

Scusandoci, Vi preghiamo di comprendere la straordinarietà della situazione sanitaria che necessita azioni finalizzate alla tutela della salute di tutti.
Riteniamo giusto e importante continuare a l…

TERAPIA DELL'ACUFENE

MODALITÀ DI INTERVENTO PSICOLOGICO I N  A N E S T E S I A  E  R I A N I M A Z I O N E EXPOSANITÀ 2008 Bologna, 30 maggio 2008
(SINTESI DELL'INTERVENTO E DELL'ARTICOLO)
COUNSELLING E IPNOSI NEL TRATTAMENTO DELL’ACUFENE INVALIDANTE Antonio R. De Caria Unità Operativa di Otorinolaringoiatria, Centro per lo Studio e la Cura degli Acufeni Ospedale “G. da Saliceto”, Piacenza
Generalità L’acufene o “tinnitus” è un sintomo definito come una sensazione di suono percepito in uno o entrambe le orecchie o all’interno della testa, non sostenuto da sorgenti sonore esterne e causato da attività proprie dell’apparato acustico o da alterazione dei meccanismi di elaborazione sensoriale. Colpisce mediamente il 10% della popolazione adulta, con uguale rapporto uomini/donne ed è raro nei bambini. Gli acufeni possono essere percepiti, in modo continuo o intermittente, come fischi, ronzii, fruscii o altri innumerevoli effetti acustici. Convenzionalmente vengono classificati in acufeni “obiettivi” e “soggettivi…